Attendere il Mahdi (aj)

Attendere il Mahdi (aj)

Non è intenzione del presente scritto discutere il sopraccitato Ä¥adith del nostro Profeta (S) in dettaglio, ma soltanto considerare attentamente perché il Nobile Inviato di Dio (S) utilizzi il termine JaÄ¥iliyyah.

E' un fatto storico ben conosciuto che l'età che precede il Profeta dell'Islam (S) sia definita come "zaman ul-jaÄ¥iliyyah" (l'Età dell'Ignoranza), l'Era Oscura caratterizzata dalla diffusa adorazione degli idoli e delle pratiche barbare.

Si può quindi facilmente comprendere cosa il Profeta dell'Islam (S) intendesse con il termine JaÄ¥iliyyah: se uno muore senza "conoscere" e "riconoscere" l'Imam del proprio tempo, morirà come se fosse durante il periodo della "JaÄ¥iliyyah", non morirà cioè da Musulmano!

La domanda che scaturisce è: come si può "conoscere" l'Imam del nostro tempo? L'Imam al-Mahdi, che Allah affretti la sua manifestazione, seppur gha°ib (occultato), è presente fra noi e ci visita frequentemente, senza che noi possiamo realizzare o percepire la sua presenza! Come avviene questo? Perché non possiamo percepire la presenza del nostro Imam?

Ci sono ragioni differenti che non ci permettono di percepire l'impatto e l'influenza del nostro Imam tra noi. In questa sede discuteremo brevemente soltanto una o due di queste ragioni.

La prima ragione è che non conosciamo il nostro Imam così bene! Conoscere il nostro Imam non significa soltanto conoscere la sua discendenza, la sua storia, la sua Ghaybah (occultazione), il suo ritorno, ma, oltre a questa conoscenza essenziale di base, bisogna acquisire una conoscenza profonda della sua occultazione e delle complesse implicazioni della sua manifestazione (Dhuhur) e della vita dopo di essa.

In altre parole, oltre al conoscere il trascorso storico della Ghaybah del nostro Imam, dobbiamo comprendere la profonda sensibilità della sua presenza tra noi. Dobbiamo esser capaci di "vedere" l'Imam con gli occhi delle nostre menti e "ascoltare" e "percepire" la sua guida nei nostri cuori. Le parole "vedere", "ascoltare" e "percepire" sono usate metaforicamente per evidenziare il grado di coscienza che dobbiamo acquisire della presenza del nostro Imam tra noi.

La consapevolezza della sua presenza è essenziale se vogliamo beneficiare pienamente dalla sua Ghaybah e considerarci come suoi seguaci e compagni eletti nel tempo della sua parusia.

Una strada per raggiungere questo grado di consapevolezza della presenza del nostro Imam e sviluppare la percezione di prossimità ed appartenenza a lui è la regolare recitazione delle Suppliche (Ada°ãyah, plurale di Du°ã¨) particolarmente prescritte dai nostri Imam (as) per il periodo della Ghaybah. Uno di questi è il Du°ã¨ al-Nudbah, che è una Supplica di appassionata espressione di dolore verso il nostro Imam, un lamento per la sua occultazione e una preghiera appassionata per la sua manifestazione, con parole estremamente commoventi, con il cuore triste e le lacrime che scendono dagli occhi. Il Du°ã¨ è stato composto in alta prosa, ricca di espressioni figurative, con un bellissimo ritmo scorrevole. Recitato con comprensione e consapevolezza, commuove i nostri cuori e crea un tremendo impatto nelle nostre menti per il modo in cui è indirizzato direttamente verso il nostro Imam in forma di lamento per la sua occultazione e come una preghiera appassionata per la sua manifestazione. Il tono del Du°ã¨ deve esser tale da trasportarci spiritualmente prossimi al nostro Imam, così da farci percepire la sua presenza tra noi!

Effettivamente, i pieni benefici della recitazione di ogni Supplica, incluso il Du°ã¨al-Nudbah, si ottengono quando essa  è recitata con conoscenza piena del suo significato e una comprensione profonda delle parole utilizzate. Soltanto quando la nostra mente è completamente focalizzata sulle parole del Du°ã¨ in modo che esse tocchino i nostri cuori, esso produrrà tutti i suoi benefici.

Per ottenere quindi tutti i benefici derivati dal Du°ã¨ al-Nudbah, dobbiamo fare del nostro meglio per comprendere interamente le sue parole e lo scopo profondo della sua recitazione regolare. Quando arriveremo a comprendere pienamente il Du°ã¨, saremo capaci di recitarlo con profonda percezione del lamento, generando quindi un tremendo impatto sulle nostre vite e rinnovando il nostro impegno verso il nostro Imam Zaman, al-Hujjah (possa Iddio affrettare la sua manifestazione), di diventare membri del suo esercito rivoluzionario, per combattere, sradicare e bandire ogni forma di corruzione, oppressione e tirannia, che sono oggi abbondantemente diffuse in tutto il mondo, e ripristinare giustizia, pace e l'autorità della legge di Iddio, che è stata accantonata e trascurata dalla gente. Dobbiamo prepararci per esser degni di questo ruolo durante l'epoca della manifestazione del nostro Imam (aj).

La manifestazione dell'Imam potrebbe verificarsi in ogni momento: oggi, domani o dopo domani! Nessuno lo sa, nemmeno l'Imam stesso!  Soltanto Iddio Altissimo conosce il momento esatto. Così come noi attendiamo per il ritorno del nostro Imam, anch’egli attende l'ordine d'Iddio di manifestarsi e ristabilire la Sua autorità sulla terra.

Riguardo all'attesa per la parusia del nostro Imam (al-Intidhar), il nostro Profeta (S) ha detto: "°Afdhala a°mali ummat intidharu’l-faraj", cioè "La migliore azione della mia Ummah durante "’Akhiru az-Zaman" è l'attesa della manifestazione del Mahdi".

Deve essere però puntualizzato che in questo processo di attesa noi non dobbiamo esser remissivi e passivi, rimanendo seduti in un angolo, ed aspettare il Dhuhur.  Dobbiamo essere attivi in ciò che il nostro Imam (aj) vuole che facciamo durante questo difficile periodo della sua Ghaybah.

Questo ci porta a discutere brevemente i nostri doveri e responsabilità durante la Ghaybah del nostro Imam (aj).

Consideriamo alcuni di essi:

1.       La prima cosa che il nostro Imam (aj) desidera vedere in noi è costanza e fermezza nella nostra fede e vederci impegnati nel sostenere i principi ed i valori Islamici in opposizione ai pensieri ed alle pratiche corrotte e corruttrici. Il nostro quarto Imam, l'Imam °Ali bin Ĥusayn Zayn ul-°Abidin (as), disse: "Chi rimarrà saldo nel nostro amore durante l'assenza del nostro Qa'im (l'Imam al-Mahdi), Iddio l'Altissimo lo ricompenserà con una ricompensa equivalente a quella di cento martiri tra coloro che sono stati martirizzati in Badr e Uhud." Similmente, il nostro sesto Imam, l'Imam Ja°ãfar as-Sadiq (as), disse: "Vince chi sostiene i nostri principi in assenza del nostro Qa'im ed il suo cuore rimane fedele dopo aver ricevuto la guida”.

2.       La seconda cosa che il nostro Imam (aj) desidera vedere è che adempiamo diligentemente e persistentemente ai nostri doveri verso Allah  SubÄ¥ana wa Ta°ala, e che rimaniamo lontani da tutti i peccati, piccoli e grandi. A questo riguardo in una delle sue lettere a Shaykh Mufid (ra), l'Imam (aj) dice: "Ogni persona fra voi dovrebbe compiere quelle cose che lo avvicinano a noi e allontanarsi da quelle cose che noi non gradiamo".

3.       Dovremmo inoltre seguire gli sviluppi di tutti gli avvenimenti che accadono attorno a noi ed avere nelle nostre menti una visione complessiva dello stato politico-sociale del mondo. Dobbiamo esser consci in special modo del mondo Islamico, esser capaci di valutare ed analizzare gli eventi da una prospettiva Islamica e separare il Vero dal falso. L'Imam °Ali bin Ĥusayn Zayn ul-°Abidin (as) disse: "La gente che vive nel tempo della sua (del Qa'im) Ghaybah e crede nella sua guida (Imamah) e attende per la sua manifestazione, ha una stazione più alta della gente di tutte le altre ere perché Allah, SubÄ¥ana wa Ta°ala, darà loro quel livello di intelletto, comprensione e saggezza come se l'Imam sia presente fra loro anche durante il periodo della Ghaybah."
Questo ĥadith mostra l'alto livello dell'attesa e della preparazione che i veri credenti avranno per il loro Imam (aj) e di come percepiranno la sua presenza fra loro.

4.       Dobbiamo tentare di aprire la strada per la manifestazione del nostro Imam (aj), riformando noi stessi in tutti gli aspetti della nostra condotta e pensiero. Egli si manifesterà soltanto su ordine d'Iddio Eccelso, quando le circostanze garantiranno la sua parusia, per condurre la più estesa rivoluzione nella storia dell'umanità, che cambierà radicalmente l'intero ordine delle cose e stabilirà un nuovo ordine nel mondo, come predicato dai nostri Imam (as). Sarà quello il tempo in cui i suoi seguaci saranno presenti nel numero prescritto in attesa del suo ritorno. L'Imam °Ali bin Ĥusayn Zayn ul-°Abidin (as) disse: "E (Allah) (riferendosi ai credenti durante il periodo dellaGhaybah) li ha resi come coloro che combattono con le loro spade sulla Via di Allah accanto al Profeta di Allah. Sono gente veramente sincera e sono i predicatori della religione di Allah, predicando in pubblico e in privato."

5.       Dobbiamo essere costantemente pronti per la manifestazione dell'Imam (aj). Questo significa che dovremmo attendere con ardente impazienza di far parte del suo esercito rivoluzionario e diventarne membri per eliminare tutte le forze della corruzione, dell'oppressione e della tirannia. Le nostre menti dovranno esser preparate a rispondere alla chiamata che, quando arriverà, sarà improvvisa. L'Imam Ja°ãfar as-Sadiq (as) dice: "Essi (i credenti durante la Ghaybah) ardentemente attenderanno per la sua manifestazione mattina e sera." E' riportato che l'Imam Mahdi Sahibu'z-Zaman stesso abbia detto: "Il nostro ordine di manifestazione sarà improvviso e brusco".

6.       Dobbiamo sostenere con tutti i mezzi a nostra disposizione coloro che innalzano il vessillo dell'Islam. Essi sono i veri °Ulamà - i sinceri e devoti sapienti dell'Islam, le istituzioni Islamiche dedicate alla propagazione dell'Islam e coloro che combattono per la causa dell'Islam. Il Profeta dell'Islam (S) ha detto: "Le genti dell'Est che trasporteranno bandiere nere aumenteranno; chiederanno giustizia, ma questa verrà loro negata. Combatteranno quindi per la vittoria finché non riceveranno quanto richiesto. Ma non la riceveranno finché una persona della mia Ahl ul-Bayt non verrà a riempire la terra di giustizia come era colma di ingiustizia. Quindi chiunque fra voi li vede ed apprende su di essi, dovrebbe sostenerli, anche se dovesse camminare su neve e ghiacci per raggiungerli."

7.       In ultimo è nostro dovere recitare regolarmente Suppliche e pregare per affrettare la sua manifestazione, per poter entrare nell'esercito dell'Imam (aj) come suoi seguaci ed aiutanti e diventare martiri combattendo al suo fianco per stabilire il nuovo ordine mondiale Islamico. In fervente attesa per la sua manifestazione, concludiamo con la seguente supplica, conosciuta con il nome di "Du°ã¨’l Faraj":

دُعاءِ الفَرَج

Du°Ä’’l faraj

Supplica della manifestazione

 

اَللّهُمَّ كُنْ لِوَلِيِّكَ الْحُجَّةِ بْنِ الْحَسَنِ

Allāhumma kun liwaliyyikal-ĥujjati bnil-Ĥasan

O Allah! Proteggi il Tuo Vicario, la Tua Prova, il figlio di Hasan (al-°Askari),

صَلَواتُكَ عَلَيْهِ وَعَلى آبائِهِ

ŝalawātuka °alayhi wa °la ãbā’ih[i]

che le Tue benedizioni siano su di lui e sui suoi antenati

في هذِهِ السّاعَةِ وَفي كُلِّ ساعَةٍ

fÄ« hāżihis-sā°ati wa fÄ« kulli sā°a[tin]

in questo momento e in ogni altro momento,

وَلِيّاً وَحافِظاً، وَقائِداً ‏وَناصِراً، وَدَليلاً وَعَيْناً

waliyyan wa ĥāfiďā[an], wa qā’idan wa nāŝirā[an], wa dalÄ«lan wa °aynā[an]

preservando il suo ruolo come Vicario e Protettore, Condottiero e Sostenitore, Guida e Capo

 

حَتّى تُسْكِنَهُ أَرْضَكَ طَوْعاً، وَتُمَتِّعَهُ فيها طَويلاً.‏

Ä¥atta tuskinahu ardhaka Å¥aw°Ä[an], wa tumatti°ahu fÄ«hā Å¥awÄ«la.

fino a quando Tu non deciderai che egli stabilisca la Tua autorità sulla terra e concedigli la Tua benedizione in eterno.

Associazione Islamica Imam Mahdi (a.j.)

Commenti

Lascia un tuo commento

* I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori certamente avere valore.